Castrazione chimica della prostata

Terapia del tumore della prostata metastatico resistente alla castrazione

Oncologia della prostata trattamento di medicina

Puntualmente, in queste circostanze dal mondo sociale e politico, si inneggia alla castrazione chimica come soluzione del fenomeno. Se ne discute assai spesso senza conoscenza scientifica del problema e del significato preciso della parola castrazione.

Siamo certi che sia la panacea terapeutica di un reato castrazione chimica della prostata è sostenuto da una precisa psicopatologia? È corretto ed utile identificare ed indicare la castrazione farmacologica, come molti fanno, con la pena per il reato commesso? Questi alcuni dei quesiti ai quali dovremmo rispondere. La prima proposta ufficiale di castrazione chimica in Italia avvenne a Milano nel lontanoper un reato di stupro recidivo.

Da allora se ne discute periodicamente e qualcuno con orgoglio la ripropone ad ogni reato. Pertanto andrebbe modificata la legge del 2 marzo che prevede solo misure detentive ed un eventuale approccio psicoterapeutico. Ma cosa si intende con il termine di castrazione chimica? Come si effettua? Con quali sostanze farmacologiche? I possibili effetti collaterali? La reale efficacia sui soggetti a cui si somministra? Il pedofilo commette il crimine in rapporto a motivazioni che vanno oltre la pura gratificazione sessuale pertanto, ridurre la libido non necessariamente significa ridurre il rischio di recidiva.

Il trattamento in cronico è finalizzato al contenimento del sintomo e non alla cura: molti pedofili infatti entrano in trattamento solo per evitare la detenzione. Diversi sono i farmaci utilizzati ma attualmente quello più diffuso è una molecola utilizzata per il trattamento medico del carcinoma della prostata chiamato leuprolide acetato. Ci sono anche effetti metabolici importanti come iperglicemia, aumento del colesterolo e trigliceridi con rischio cardiovascolare non trascurabile, ginecomastia, cioè aumento del volume della ghiandola mammaria e rischio di cancro della mammella, osteoporosi, depressione, anemizzazione.

Quali castrazione chimica della prostata essere gli effetti a distanza su un giovane di anni? Questo dato non ha castrazione chimica della prostata scientifiche poiché il farmaco viene utilizzato di routine nel paziente non più giovane affetto da neoplasia della prostata.

Chi si occupa del problema propone un periodo di tre anni in associazione alla psicoterapia ed a terapia con le diverse categorie di psicofarmaci. Come mai diverse forze politiche ne discutono da anni, proponendolo come risolutivo ma ad oggi non abbiamo risposte concrete? Mi consenta signor direttore oltre che ringraziarLa per aver dato voce e spazio alle mie riflessioni anche un consiglio ai nostri rappresentanti politici: concediamo, in attesa di modifiche della legge sulla possibilità di castrazione chimica per reati di pedofilia e violenza sessuale, uno spazio maggiore alla prevenzione che passa da istituzioni, famiglia e scuola in primis.

È possibile una prevenzione primaria, rivolta alla società per valorizzare il bambino, secondaria con individuazione castrazione chimica della prostata segnali di disagio fisico psichico e comportamentale, terziaria con castrazione chimica della prostata serie di eventi per circoscrivere e reprimere il fenomeno.

E penso tra me stesso che mondo meraviglioso! I turni di oggi delle farmacie. Donatori neodiplomati premiati con le borse di studio Avis. Cossato: la guardia medica si sposta nella Casa della Salute. Mammografi obsoleti? Non nel Piemonte orientale. Grazie anche alla Fondazione Tempia. Da Fisiokinetik due giornate per la prevenzione dei disturbi e degli squilibri nella castrazione chimica della prostata. Che tempo fa. Benessere e Salute 14 aprile Pedofilia e castrazione chimica, il punto di vista dell'uroandrologo Silvani.

Il dottor Mauro Silvani - Foto newsbiella. Ti castrazione chimica della prostata interessare anche:. Tutti i diritti sono riservati.